Africa Marocco Travels

IL NOSTRO TOUR IN MAROCCO

IL NOSTRO ITINERARIO

Il nostro punto di arrivo e di ritorno è stato l’aeroporto di Marrakech , si può scegliere di arrivare qui e ripartire da un altro aeroporto , in Marocco ce ne sono molti, e in alcuni casi si guadagna tempo.

Questo è stato il nostro itinerario :

DAY 1: Marrakech

MOSCHEA Koutoubia

La Moschea Koutoubia è considerata laTour Eiffel di Marrakech! Situata vicino alla piazza di Jemaa el-Fnaa, è la moschea più importante della città, oltre ad essere un punto di riferimento.

Famosa perchè è stata costruita in un solo anno, in un periodo in cui una Moschea di questo genere era solita impiegare una decina di anni. Il suo nome deriva dalla parola Araba “KOUTOUB” che significa “LIBRO”, perchè in origine c’era una fiera del libro li vicino. E’ visibile da lontano da ogni angolo della città, il minareto della Moschea si trova a circa 77 metri dalla tomba, e questo serve come bussola per orientarsi, i non Musulmani non possono entrare si possono solo limitare ad ammirarla dall’esterno.

LE JARDIN MAJORELLE

Che il Jardin Majorelle sia una delle cartoline della città è senza alcun dubbio! Una visita al parco è d’obbligo… Nel 1947 Jaques Majorelle , il proprietario del luogo, aprì il suo stand al pubblico per esporre i suoi lavori, e la sua meravigliosa collezione di alberi e piante provenienti da i cinque continenti.

Troverete nel loro splendore cactus provenienti dal Messico, alberi di banane dal Brasile, alberi della felicità dalla Cina tra le tante altre specie intriganti e meravigliose. Nel 1980 Saint Laurent acquistò questo terreno con il suo socio Pierre Bergè e restaurò tutta l’intera proprietà. Se volete scattare qualche foto dovrete armarvi di pazienza perchè il parco è sempre molto affollato; il Jardin Majorelle ha una sua caffetteria, una libreria e una graziosa boutique.

DAY 2: Ait Ben Addou – Rose Valley _ Boumalne Dades

ait Benhaddou

Non possiamo non visitare la città fortificata “KSAR” patrimonio dell’UNESCO . AIT significa “il fiume” quindi la città prende il nome del suo fondatore BEN HADDOU ; la città era una tappa strategica per commercianti, barattavano il sale e percorrevano 52 giorni con i cammelli carichi in andata e 52 giorni per il ritorno…

Le Kasbah della città vecchia sono protette dall’UNESCO e sono tra le meglio conservate del Marocco, costruite con argilla, pietre e materiali locali. Al giorno d’oggi solo pochissime famiglie vivono nella citta vecchia , la nuova invece si trova dall’altro lato del fiume, dove gli abitanti iniziano ad usare nuove tecniche costruendo le loro case in cemento invece che con fango.

Essendo così ben conservata, la città è diventata negli anni un palcoscenico di grandi pellicole cinematografiche Holliwoodiane come “Il Gladiatore” e di serie tv come “Game of Thrones”. Molto visitata dai turisti , ci sono tantissimi negozietti che vendono souvenir provenienti da tutto il Sahara.

day 3: todra gorges – tinejdad – merzouga

merzouga

Merzouga è un piccolo villaggio situato nell’estremo sud-est del Marocco, in pieno deserto del Sahara ad appena 20 chilometri dal confine Algerino, una località molto visitata dai viaggiatori che arrivano qui ogni anno per vivere una vera avventura nel maestoso ambiente del deserto più grande del mondo. Merzouga in passato è stata una delle principali oasi dove le carovane si fermavano per trovare ristoro e raccogliere provviste prima di affrontare il tratto più duro dell’attraversamento del deserto seguendo le piste che dall’Africa Subsahariana arrivavano fino al Mediterraneo.

Questa posizione strategica per i commerci è stata per secoli la fortuna del villaggio mantenendo in vita la comunità che in questo modo, pur essendo in uno dei luoghi più remoti dell’Africa settentrionale, era aggiornata su tutto quello che accadeva nel vasto regno del Maghreb. Oggi Merzouga è una delle mete più ambite del turismo in Marocco, sia per la sua meravigliosa cornice ambientale tra le incredibili dune del deserto del Sahara, che per essere una delle località che fungono da campo base per esplorazioni più profonde della regione dell’Errachidia.

day 4: rissani – draa valley – antiatlas – ouarzazate

rissani

draa valley

ouarzazate

E’ una città del sud est del Marocco, nella regione di Souss – Massa – Draa, la popolare porta del deserto, a circa 1250 metri sul livello del mare. Il nome della città significa “Silenzio” in Berbero; all’inizio del XXI secolo la popolazione della città era di 4 milioni di persone, oggi superano i 60 milioni e continua a crescere a causa di tutte le nuove imprese e investimenti. La città ha anche beneficiato dei recenti sviluppi nel settore turistico e nei successi dei suoi studi cinematografici.. detti anche “Plastic Studios” , tra cui Atlas Film Studios ed ECLA Studios che ha anche guadagnato il nome #Ouarwood!

DAY 5: High Atlas Mountains – Tichka Pass

high atlas mountains

Alto Atlante , chiamato anche il Grand Atlas Mountains è una catena montuosa nel centro del Marocco , Nord Africa. L’Alto Atlante sorge ad ovest nell’Oceano Atlantico e si estende in direzione est fino al confine marocchino- algerino.

tichka pass

Tizi n’Tichka è un passo montano del Marocco, che collega il sud-est di Marrakesh alla città di Ouarzazate attraverso la catena montuosa dell’Alto Atlante. Si trova tra la grande pianura di Marrakech e la porta del deserto del Sahara

DAY 6: Marrakech

piazza jemaa el fna

Dopo una buona colazione prendiamo un taxi e ci facciamo portare nella famosa piazza Jemaa el Fna nel centro della Medina. La piazza è il punto turistico più visitato della città ed è senza dubbio una delle cose più indimenticabili da fare a Marrakech !

E’ davvero super divertente… alla fine della giornata durante la golden hour il mercato diventa vivo e sempre più in subbuglio , è così impressionante che questa piazza è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dell’UNESCO! Qui potrete trovare davvero di tutto, domatori di serpenti e scimmie (cosa che io personalmente non ho apprezzato per niente) , tatuaggi hennè, zingari che si offrono per leggerti la mano… se vuoi interagire con loro e fotografare una loro bancarella saranno ben felici e fieri di fartelo fare! Dopo un bel giro tra le bancarelle vi consiglio un buon tè sul tetto del Grand Balcon Cafè Glacier una deliziosa terrazza aperta che domina su tutta la piazza.

i souk

Sin dalla fondazione di Marrakech i souk sono stati organizzati in sezioni in base al tipo di prodotto venduto e dal livello di inquinamento. Gli oggetti che portano meno inquinamento sono venduti nel centro della medina dove tutti vivono, gli altri fuori città a causa del cattivo odore… il Souk (mercato) principale c’è solo il mercoledì e la domenica ma all’interno della medina si possono trovare sempre diversi tipi di souk.

Una delle cose che più mi ha attratto di questi Souk sono state le spezie, tutte sistemate in enormi sacchi e vasi coloratissimi, bellissimi da vedere e davvero profumatissimi!

Vi consiglio di entrare nei diversi negozi e odorate tutti gli aromi che troverete, potrete anche farvi preparare una macinatura del “RAS AND HANOU” della casa, sicuramente ne avrete sentito parlare, è una deliziosa spezia il cui nome significa letteralmente “LA PARTE SUPERIORE DELLO SCAFFALE” cioè una miscela delle migliori spezie del negozio stesso. Questa spezia contiene cumino, harissa e paprika, ciò che rende il cibo Marocchino così gustoso.

Leave a Comment